30 NOVEMBRE 2022
Pubblicato da GRUPPO CIDIMU

Dr. Andrea Valli, Dr. Alberto Bellone

Benché asintomatica la retinopatia diabetica può provocare complicazioni talvolta gravi.

Complicazioni
Nel caso in cui ľemorragia si estenda al corpo vitreo (emovitreo), i raggi luminosi non riescono più a filtrare attraverso quesťultimo e a raggiungere la retina. Ciò provoca improvvise perdite della vista.

Il distacco di retina provocato dalla retinopatia diabetica è detto trazionale: i neovasi crescono dalla retina verso ľinterno delľocchio sostenuti dalľimpalcatura fornita dal corpo vitreo. Durante tale crescita si vengono a formare membrane che aderiscono alla retina provocandone il distacco.

I pazienti affetti da diabete possono sviluppare più precocemente di altri una cataratta. La presenza di retinopatia diabetica può scatenare forme di glaucoma secondario.

Sintomi
Negli stadi precoci, la retinopatia diabetica è in genere asintomatica. Poiché il paziente non avverte alcun sintomo di dolore o sintomi esterni quali rossore agli occhi e secrezioni, i cambiamenti nella retina possono non essere notati, a meno che non vengano riscontrati ad un esame specialistico. Se la patologia retinica progredisce, ľacutezza visiva (capacità di distinguere oggetti o lettere) può essere compromessa dalľinsorgenza di un edema maculare, che interessa cioè la macula, o da episodi di emovitreo legati alla comparsa di neovasi.

I sintomi sono variabili a seconda delľestensione e della localizzazione delle lesioni che interessano i capillari. Generalmente la retinopatia diabetica colpisce per prime le aree periferiche della retina, ma se viene interessata la macula si potrà verificare, anche in fasi precoci, annebbiamento e riduzione della capacità visiva. Improvvise perdite della vista possono essere dovute ad una emorragia intraoculare (emovitreo) o alľocclusione di un grosso vaso (trombosi), che blocca più o meno completamente il flusso di sangue nella retina.