27 GENNAIO 2020
Pubblicato da GRUPPO CIDIMU

Dr. Francesco Zappia

Una tecnica di imaging diagnostico che fornisce immagini ad alta definizione del metabolismo corporeo.

È passato più di un secolo da quando Henry Bequerel, nel 1896, scoprì la radioattività naturale; da allora nel campo della diagnostica abbiamo assistito al passaggio dalle prime radiografie alla tac, alle scintigrafie planari e topografiche (Spet) alla risonanza magnetica fino alla Pet.

La Pet è una tecnica di imaging diagnostico capace di fornire immagini ad elevatissima definizione non soltanto dei singoli organi ma anche delle funzioni e del metabolismo corporeo. É un’indagine diagnostica ad elevato contenuto tecnologico in rapida espansione non soltanto perché consente lo studio del metabolismo cellulare ma anche perché possiede un’accuratezza diagnostica elevata e perché può sostituire molte indagini con un solo esame (fornisce immagini di tutti gli organi).

La Pet, presente nei laboratori di ricerca da più di 20 anni, viene principalmente utilizzata in cardiologia (metabolismo e vitalità miocardia), in neurologia e in psichiatria (epilessia, patologie degenerative, morbo di Parkinson, schizofrenia). La più importante area di sfruttamento della Pet resta comunque ľoncologia, soprattutto per la diagnosi e il monitoraggio delle neoplasie, il controllo della terapia e la valutazione prognostica dei tumori. Le immagini ottenute con questa tecnica documentano le aree di aumentato metabolismo da parte delle cellule tumorali rispetto a quelle normali, evidenziando quindi la sede della neoplasia e delle eventuali metastasi. Il Pet, inoltre, consente di evitare ulteriori esami diagnostici e inutili trattamenti sia medici che chirurgici.

Per effettuare studi Pet è necessario avere un tomografo, mentre per ľapprovvigionamento dei radioisotopi positrone emittenti (tutti a brevissima emivita che va da 1,3 fino a 110 minuti) occorre utilizzare un ciclotrone e un acceleratore di particelle cariche negativamente. Quando le particelle raggiungono un’energia predeterminata vengono direzionate fuori dal ciclotrone verso un bersaglio dove viene prodotto ľisotopo positrone radioemittente. Dopo la produzione delľisotopo (carbonio, ossigeno, azoto o fluoro) viene trasformato in radiofarmaco per mezzo di un’unità di sintesi alľinterno del laboratorio di radiochimica. Dopo aver superato accurati controlli di qualità, il tracciante è pronto per essere iniettato; quando il liquido si è distribuito in tutto il corpo (ci vuole circa un’ora), il paziente viene fatto passare attraverso uno scanner Pet, strutturalmente molto simile a quello della Tac. Il medico potrà così misurare la funzionalità delľorgano preso in esame, dal flusso sanguigno alla velocità di sintesi proteica ai livelli degli altri processi biologici, cosa di fondamentale importanza in quanto i cambiamenti fisiologici possono spesso annunciare le modificazioni strutturali tipiche delle malattie.